Regolare la marcia di un orologio - La (mia) finestra sul web

Vai ai contenuti

Menu principale:

Regolare la marcia di un orologio

Orologi > Impariamo il "Fai da te"

Regolare la marcia di un movimento meccanico

I movimenti meccanici russi, specie i Wostok, sono in generale molto robusti e funzionano bene anche dopo che non si attua alcuna manutenzione per molti e molti anni.
A causa dell'età o di una non accurata, com'era comune, taratura del movimento meccanico, può essere necessario modificare la marcia dell'orologio, che anticipa ("corre" più velocemente di quanto dovrebbe) oppure ritarda ("corre" più lentamente).
A seconda della causa che ha sfasato il conteggio del tempo, per rendere l'orologio nuovamente preciso, può bastare una nuova taratura del movimento ovvero una diversa regolazione, che si attua spostando una leva, che a sua volta governa una molla.
Procedere alla regolazione, è più semplice di quanto si possa pensare, basta esser pazienti.
Innanzitutto, occorre togliere il fondello, come illustrato qui.
A questo punto, ci procuriamo uno stuzzicadenti (non usare oggetti metallici), individuiamo la racchetta ed il pitone.
Si agisce spostando la racchetta, ovvero avvicinandola o allontanandola dal pitone; quest'ultimo, non deve assolutamente essere toccato.
Per rendere la misura del tempo più veloce, cioè se l'orologio ritarda, dobbiamo allontanare la racchetta dal pitone.
Per rendere la misura del tempo più lenta, cioè se l'orologio anticipa, dobbiamo spostare la racchetta verso il pitone.
Questa è la procedura da seguire ad esempio per il Wostok 2414, mostrato in figura.

In alcuni movimenti, come il Wostok 2605, si può agire sull'indicatore, ben visibile, posto tra il - ed il +.
Spostando l'indicatore vero il +, l'orologio velocizza la marcia (operazione necessaria quando l'orologio ritarda), mentre spostando indicatore verso il -,  l'orologio rallenta la marcia (operazione necessaria quando l'orologio anticipa).

L'operazione di regolazione deve ovviamente essere eseguita per piccole variazioni per volta, misurando dopo ogni regolazione le modifiche ottenute e la precisione raggiunta.
E' un operazione che richiede poco sfrozo, ma tempo, almeno un giorno dopo ogni regolazione, per poterne testare l'efficacia, ma, alla fine, potrete potrete sicuramente migliorare l'accuratezza della misura del tempo.

 
Cerca
Privacy Policy
Torna ai contenuti | Torna al menu