Ksenofontov Ivan - La (mia) finestra sul web

Vai ai contenuti

Ksenofontov Ivan

Orologi russi/cccp > Fabbriche orologi > Poljot - Полет
Gli orologiai tengono il passo

Riportiamo qui l'intervista di  Ivan Ksenofontov al quotidiano moscovita The Moscow Times: siamo nel 2005, l'assemblea degli azionisti ha da poco deciso l'alienazione dei beni della società per poter
The Moscow Times- 9 Nov. 2005


Ogni minuto contava nel dramma che circondava il mini-sottomarino della Marina russa che si era impigliato nei cavi Kamchatka ad agosto con sette membri dell'equipaggio a bordo.
Quindi sembrava piuttosto appropriato quando era ministro della Difesa Sergei Ivanov ha presentato ai tre soccorritori britannici della nave orologi Poljot come segno di gratitudine della nazione. I cronometri Poljot tengono il tempo per i militari dal 1930.
Questo autunno, la prima fabbrica di orologi di Mosca, che produce gli orologi, celebra il suo 75° anniversario, segnando un'improbabile evoluzione dalla massa sovietica produttore a produttore di nicchia per la classe media emergente russa.
La fabbrica è stata inizialmente fondata per produrre orologi di precisione per l'esercito e successivamente per lo spazio sovietico programma. Poljot, che in russo significa "volo", è stato il primo orologio nello spazio, accompagnando Yury Gagarin nel suo orbita storica della Terra nel 1961.
Nell'economia pianificata dell'Unione Sovietica, l'industria dell'orologeria era una componente chiave dell'industria militare complesso, con eserciti di operai e numeri di produzione superlativi.
"All'epoca, ogni fabbrica contava da 2.000 a 10.000 lavoratori che producevano milioni di orologi all'anno", ha affermato Ivan Ksenofontov, direttore generale della prima fabbrica di orologi di Mosca.
Delle 10 maggiori fabbriche dell'era sovietica, lui detto, ne restano solo tre: la sua fabbrica; lo stabilimento Vostok a Chistopol, Tatarstan; e la fabbrica Zarya a Penza.
Nel suo periodo di massimo splendore nei primi anni '70, la prima fabbrica di orologi di Mosca produceva fino a 2,7 milioni di orologi meccanici orologi da polso.
Sebbene durevoli, gli orologi erano spesso goffi e in stile conservativo.
Di conseguenza, uno straniero l'orologio - come un paio di blue jeans - era un bene prezioso per i cittadini sovietici che riuscirono a mettere le mani nessuno.
Circa il 50 per cento degli orologi dell'Unione Sovietica è stato venduto in altri paesi socialisti. Oggi non più di 10 per cento degli orologi russi viene esportato, secondo Rosinex, organizzatore dell'annuale Moscow Clock e Guarda Salone.
Il passaggio al capitalismo ha colpito duramente gli orologiai.
Come altre industrie, gli orologiai hanno visto generosi sussidi statali si prosciugano, le attrezzature diventano obsolete e la forza lavoro invecchia.
L'introduzione degli orologi stranieri nei primi anni '90 sembrò segnare la fine di marchi come Poljot: i ricchi sete di orologi svizzeri, mentre i russi ordinari andavano per importazioni a buon mercato dall'Asia.
Oggi si stima che sul mercato interno non vengano prodotti più di 4 milioni di orologi, una frazione dei 20 milioni orologi che vengono venduti ogni anno in Russia.
Molte fabbriche hanno chiuso o sono state costrette ad adattarsi.
"C'era una completa mancanza di un piano di marketing nei primi anni '90", ha detto Ksenofontov, ricordando come Poljot fosse stata colta alla sprovvista durante il suo tuffo nel capitalismo del libero mercato.
La diversificazione dei progetti di Poljot è stato il primo passo verso il rafforzamento del vantaggio competitivo dell'azienda.
Negli ultimi quattro anni (cioè dal 2001 al 2005 ndr.), ha detto Ksenofontov, Poljot ha prodotto 200 modelli diversi, di cui il 95% sono meccanici.
L'anno scorso (2004), Poljot è stata completamente privatizzata, con lo stato che ha perso completamente la sua partecipazione nella fabbrica.
Ksenofontov ha rifiutato di rivelare la struttura proprietaria della società o le entrate annuali.
In quanto società completamente privatizzata, Poljot ha ridotto drasticamente la produzione annuale, da 500.000 nel 2004 a 60.000 nel 2005.
L'azienda ora si concentra esclusivamente su orologi meccanici di lusso.
Il 90% delle parti è prodotto in Russia e il 10% in Svizzera, ha detto Ksenofontov.
Poljot ha iniziato a prendere di mira uomini russi di età compresa tra 24 e 35 anni orologi che mostrano la storia della fabbrica e il passato militare.
Mentre il prezzo degli orologi Poljot più venduti era di circa $ 300 cinque anni fa (cioè nel 2000 ndr.), Ksenofontov ha messo la fascia di prezzo di oggi (2005 ndr.) da $ 500 a $ 3.000.
Egli considera concorrenti marchi svizzeri come Tissot e Longines. "La concorrenza svizzera è sana, stabilisce uno standard", ha detto.
La posizione della fabbrica nel centro di Mosca spinge gli stipendi e i costi di manutenzione aumentano, costringendo Poljot a restringere il campo.
Il l'azienda impiega circa 450 persone, in calo rispetto alle 8.000 dell'Unione Sovietica era.
"C'è una grande carenza di lavoratori qualificati e gli stipendi aumentato, quindi non possiamo produrre tanti orologi come prima", ha detto disse. Gli apprendisti devono trascorrere due anni sotto l'istruzione di un maestro orologiaio, e questo accade "una o due persone per volta."
La fabbrica è un imponente edificio grigio il cui ingresso è nascosto in una strada laterale vicino alla Proletarskaya stazione della metro.
Maestri come Lyudmila Kosarova producono sette orologi al giorno in una grande stanza, ciascuno assemblando e ispezionando il orologi ai propri tavoli di lavoro.
"Lavoro in fabbrica da 38 anni e amo quello che faccio", ha detto Kosarova.
"Dopo il [1991], le cose erano difficili, ma sono arrivati alcuni lavoratori più giovani, quindi sono ottimista per il futuro".
Sergei Panchenko, presidente di Toner, un distributore di orologi con sede a San Pietroburgo, ha affermato che Poljot potrebbe affrontare la competizione internazionale se fosse in grado di conquistare i russi attenti al marchio.
"Il cambiamento della mentalità dei consumatori russi può avvenire solo attraverso la pubblicità e il marketing, mostrando che gli orologi russi non sono peggiori degli - e sono persino prestigiosi quanto - gli orologi svizzeri", ha detto Panchenko.
Mentre Poljot si è salvato puntando a clienti di fascia alta, Vostok, con sede in Tatarstan, ha fatto esattamente il contrario, prendendo a testa alta la concorrenza asiatica a buon mercato.
Oggi, la fabbrica produce circa 1 milione di orologi all'anno, ha affermato Marat Khakimov, vicedirettore generale dela fabbrica di orologi di Chistopol.
Come Poljot, Vostok ha trovato la sua salvezza nella diversificazione della sua linea di prodotti. "Abbiamo iniziato a produrre orologi più alla moda a un prezzo medio", ha detto Khakimov.
Un orologio Vostok viene venduto al dettaglio tra $ 40 e $ 50.
A differenza di Poljot, tuttavia, la fabbrica di Chistopol impiega ancora 4.000 lavoratori in una città di 60.000 e riceve considerevole aiuto dal governo del Tatarstan.
Tuttavia, non tutte le società riuscirono a sopravvivere nella loro forma dell'era sovietica.
La seconda fabbrica di orologi di Mosca, produttore del marchio Slava dagli anni '50, ha recentemente interrotto la messa produzione e ha venduto i suoi spazi di fabbrica a una banca.
Zolotoye Vremya, specializzato in orologi d'oro che utilizzano parti russe e svizzere, si è staccato da Poljot nel 1992, disse Ksenofontov.
Sebbene sia Poljot che Vostok siano in gran parte concentrati sul mercato interno, hanno anche scoperto il nuovo valore degli orologi russi all'estero.
Ksenofontov di Poljot ha affermato che il 40 percento degli orologi della sua fabbrica sono stati venduti all'estero, con la Germania che rappresenta dal 60 al 70 percento delle vendite internazionali.
La semplice dimensione dell'economia tedesca è un fattore importante, ha affermato, così come una rete di distribuzione di lunga data là.
"La curiosità alimenta i consumatori quando acquistano orologi russi", ha affermato Malcolm Lakin, caporedattore di Europa Star, una rivista di settore con sede a Ginevra. Ma ha avvertito che "coloro che vogliono un orologio da $ 350 ... sceglieranno un orologio svizzero a buon mercato anziché un orologio russo, pur di pregio"

Nel 2005 direttore della Poljot è IVAN KSENOFONTOV figlio del proprietario del marchio
Fonte https://www.watchuseek.com/threads/clarification-on-poljot-volmax-vostok-europe-some-russian-watch-brands-ufos.2618/

Il proprietario allora deve essere SERGEI b. KSENOFONTOV nel 1992 direttore in asia

Il direttore sovietico è ALEXANDRE S.  SAMSONOV

Privacy Policy
Torna ai contenuti