Note sulla sezione russa - La (mia) finestra sul web

Vai ai contenuti

Note sulla sezione russa

Contatti
Due parole, sulla sezione dedicata agli orologi russi
Quanto scritto nella sezione dedicata all'orologeria sovietica e russa, è stato da me letto ed elaborato, quando necessario e possibile, secondo il mio punto di vista.
A chi dice che i siti ed i forum sull'orologeria russa, sono tutti "la stessa minestra", ribatto che le minestre non sono tutte uguali: cambiano gli ingredienti e come sono amalgamati.
In questo sito ho dato spazio ad un aspetto fondamentale, ma spesso trascurato quando si parla di orologi, anche russi: il contesto, che secondo me è fondamentale per collocare nella giusta cornice ogni manufatto.
Il movimento meccanico cinese standard ad esempio, può essere visto come una meccanica rozza ed economica e per questo incassata in tanti falsi, ma contestualizzato va visto come il movimento progettato, tanti anni fa, per dotare tutti i cinesi di un orologio, per cui la sua semplicità diventa un valore, non motivi di sprezzo.
Lo ammetto senza remore: sono un appassionato "pmw", per citare l'acronimo inventato dal compianto Reto Castellazzi e che sta a significare "poor man watches".
Per giunta, più che all'orologio in sé, sono interessato alla sua meccanica.

Persone da citare

Se questo sito è frutto di ciò che ho letto in giro, allora sono da fare ringraziamenti ed indicare i riferimenti
Ringraziare (detto meglio "dare a Cesare, quel che è di Cesare") qualcuno può sembrare un torto verso altri: non prendetela così.
Come dicevo all'inizio, i forum italiani su cui si sono svolti tante discussioni sono scomparsi, alcuni nickname li ho dimenticati.
In riferimento ai forum italiani, cito:
  • michele75, alias cuocciomix, a cui assegno il merito di aver guardato e parlato di orologeria russa,  quando  questa era indigesta a coloro per cui, caduto il comunismo, tutto era privo di valore ed era anche sprezzata da coloro che erano rimasti fermi agli orologi venduti ai banchetti dai polacchi
  • mchap, grande divulgatore di orologeria sovietica, ai suoi scritti si deve molto. Personalmente, presto non ne ho condiviso la prospettiva.
  • Danilao, che si è molto speso nei forum a scrivere dell'orologeria russa moderna, superando gli ostracismi dei "veterani".
Riferimenti

Ho cercato sempre di indicare i riferimenti, vicino alle informazioni riportate e credo che questo sia avvenuto nella grande maggioranza dei casi: se qualcuno ha suggerimenti, può scrivermi.
Fonti di informazioni sull'orologeria russa, sono:
  • wus: è qui, andando a ripescare thread vecchi più di 10 anni, che ho letto dell'attivismo di michele75, all'epoca moderatore di sezione
In lingua italiana, segnalo:
  • cccp-forum: il forum italiano per definizione sull'orologeria russa e sovietica. A mio giudizio ha un limite di cui non ha colpa: è relativamente giovane, fondato nel 2015, non contiene un fervido periodo di discussioni. Non avendolo seguito per qualche anno per divergenze con un moderatore, può essere che mi sbagli.
  • orologiko: credo sia il forum di orologi italiano di più lontana fondazione. Purtroppo anche il suo database è stato intaccato da scissioni ed utenti che se ne sono andati, chiedendo la rimozione dei propri contenuti.
Citare i forum infatti, vale fino ad un certo punto: il valore di un forum sono gli utenti, che frequentano ed hanno scritto anche altrove.
  • russian-watches: è un sito ricco di foto ed informazioni su tanti orologi, ben descritti nelle foto e nelle parole. Fondato da Danilao, moderatore di cccp-forum, mostra una produzione trasversale nel tempo, senza quel pregiudizio "dei sovietofili tutt'altro che russofili" che per diversi anni nei forum italiani hanno reso difficile il parlare dell'orologeria russa "moderna".
  • aisor.it/forum: ultimo per fondazione, nato da una scissione da orologiko. merita anch'esso una citazione, perché è una risorsa dell'orologeria, nel senso più ampio del termine e lì troverete orologiai pronti a darvi consigli.
Libri sugli orologi russi

Dovessi consigliare un libro, uno solo, ad una persona che si affaccia al mondo dell'orologeria russa, consiglierei "Il Tempo nello Spazio" di Anna Pegna, edito da effequ, credo il primo libro italiano che tratti specificatamente di orologeria russa.
Stampato nel 2010, risulta molto tascabile, costa sui 10 euro ed ha il pregio di offrire il contesto in cui inquadrare l'orologeria sovietica e poi russa.
Non ha pretesa di approfondire nulla, le foto sono piccole ed in bianco e nero, ma oggi abbiamo i cataloghi e le foto di tanti appassionati.
Poiché però avere uno o due libri in più, non fa male, ecco qualche altro titolo:
  • "Orologi russi da collezione": uscito da poco, personalmente non ho avuto modo di leggerlo, ne ho sentito pareri discordanti.
  • Russian Wristwatches di Juri Levenberg: collana di libri sull'orologeria russa, è una sorta di catalogo non ufficiale redatto dall'autore ai tempi. Purtroppo risente della mancanza di informazioni in quei primi anni '90
  • Michael Ceypt "Fascination of Russian Watches": acquistato, catalogo fotografico ben stampato con del testo, anch'esso dei primi anni '90.
Infine, vorrei dedicare una particolare menzione al compianto Reto Castellazzi (foto a lato), un grande appassionato e divulgatore di orologeria (non specificatamente russa), tragicamente scomparso nel luglio del 2014.
Reto Castellazzi, creò il PMWF ( Poor Man Watch Forum, che potremmo tradurre con un ironico "il forum degli orologi dei poveri"), un forum di orologeria dedicato agli orologi di basso valore economico (che in realtà, tanto basso non era, fino ai 1000 $).
Il suo pregio principale, fu proprio lo svincolare l'apprezzamento di un orologio dal suo valore monetario, riabilitando modelli in precedenza snobbati dagli altri forum e creando una nuova comunità di appassionati.
Grande divulgatore e conoscitore dell'orologeria, non solo dei marchi minori, era apprezzato da tutti per il suo modo di porsi nelle discussioni.
Si ringrazia per la foto di sfondo Natalya Letunova
Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0

Privacy Policy
Torna ai contenuti